Ufficiale, arriva il superbollo per tutte le auto d’epoca

1 aprile, 2017 | Daniele Boltin

superbollo per le auto d'epoca

Superbollo per le auto d’epoca.

Brutta sorpresa per chi possiede un’auto d’epoca. Da Roma è arrivata l’ufficialità di una notizia che si sperava non si sarebbe mai realizzata. Purtroppo, invece le due ali della politica, riunite in seduta comune, hanno approvato con maggioranza di due terzi la nuova legge per la “Tutela ambientale, di terra, di acqua, di mare”.
Tra i decreti c’è anche la proposta di Giuseppe Marmora e Guidalberto Razza, che riguarda il pagamento del bollo per le auto storiche. Andrà a colpire tutti i veicoli, anche quelli che hanno già compiuto i 30 anni di età.

In poche parole, si tratta dell’estensione del superbollo. La logica della nuova legge sul bollo auto è tassare in modo importante i veicoli a due, quattro e sei ruote che inquinano. Sono compresi, quindi, tutti i veicoli Euro 0, e in particolare le automobili immatricolate prima dell’1 gennaio 1997.
Ci saranno diversi tipi di aliquote, a seconda del valore di mercato dell’auto, della cilindrata e della potenza. Per avere il dettaglio dovremo aspettare il prossimo numero della Gazzetta Ufficiale, in cui saranno pubblicate le tabelle complete.

Giuseppe Marmora.

Per il momento, tra i dati certi, ci sono due passi certi. Ogni veicolo Euro 0 perderà l’agevolazione anche se storico, e quindi pagherà il bollo calcolato come se fosse un’auto moderna. A questo, andrà aggiunto il cosiddetto superbollo, per le auto pre-1997. In questi casi, alla quota da pagare, andrà aggiunto il 112% (centododici). Ad esempio, se il vostro bollo risulterà essere di 200 euro, diventerà automaticamente di 424.
Non ci saranno problemi per calcolarlo, perché entro un mese il software dell’agenzia delle entrate sarà aggiornato e si potranno fare i calcoli senza problemi.

Razza e Marmora, intercettati a Roma da Quartamarcia, hanno dichiarato: «Siamo molto felici che i nostri colleghi ci abbiano dato ragione votando questo provvedimento. Non è un’azione contro i proprietari di auto d’epoca, anzi è un modo per valorizzarle. Così, elimineremo dalle strade un po’ di ferri vecchi per lasciare lo spazio che meritano le vere opere d’arte su quattro ruote».
Ma i due politici hanno in programma anche delle grosse novità in questo ambito. Infatti, hanno dichiarato che «sono al vaglio misure di incentivi per chi vorrà convertire la sua auto d’epoca in elettrica. In questo modo l’Italia potrà uscire dalle sabbie mobili e proiettarsi finalmente verso il futuro».


21 commenti

  1. AL ha detto:

    Da un lato,sono d’accordo sul Penalizzare una Punto scassata e circolante. D’altronde,dare più costi ad una passione come le auto d’epoca,toglierà sicuramente (a me fa questo effetto)lavoro all’indotto dei restauratori-elettrauto,che si vedranno portare meno auto.

  2. Giuseppe ha detto:

    Spesso chi gira con una vecchia Punto è proprio perché non ho i soldi per cambiarla… Non perché gli piace inquinare! Mettete incentivi seri per le conversioni a gpl e metano! A giusto che glie e frega a Loro che vanno in giro con le blindate che inquinano due volte un auto Normale e pure a spese del i contribuenti!

  3. costa ha detto:

    ahahahahahah bel pesce d’aprile…bravi

  4. Leo ha detto:

    Ma questa notizia è rivolta anche a propietari che possedono veicoli immatricolati nel 1971.Ad esempio io ho una Fiat 500 Giardinetta,come mi devo comportare?????? Io il bollo pago 39 euro

  5. Ginetto ha detto:

    Giuseppe Marmora detto anche “Il Porcospino”?

  6. bob ha detto:

    Non e’ che per caso oggi e’ il primo aprile ??

  7. gianni ha detto:

    hahahahahahahahahahahahaah che cazzata madornaleeeeeeeeeeeeee

  8. gianni ha detto:

    oggi e’ il 1* aprile

  9. Lorenzo ha detto:

    Io le sto esportando tutte,alla faccia dei nostri prolitici ladri

  10. Luigi ha detto:

    Auguriamoci sia un pesce d’aprile

  11. Salvatore ha detto:

    Che puzza di pesce d’aprile ahahah!!!

  12. Paolo ha detto:

    X colpa del superbollo sulle auto abbiamo perso pezzi di storia come la Nissan 350Z, la Honda 2000 e molte alte. Ora quali altri gioielli d’ epoca perderemo x colpa di gente che guadagna migliaia di euro al mese?. Vogliono ridurre l’ inquinamento?!
    Che si tolgano le auto blu e le auto delle scorte. In Panda elettrica anche loro.

  13. Giulio ha detto:

    Convertire un’auto d’epoca in elettrica? e che auto d’epoca sarà poi? cosa rappresenta? un misto tra passato e la tecnologia del presente?
    E questo che cosa dovrebbe testimoniare se non una rottamazione di gran parte dei veicoli storici, e di conseguenza creare un settore d’elite per la serie ” chi ha soldi si può permettere un’auto d’epoca e chi no neanche una volgare 127..”
    Alla fine fine hanno ammazzato il settore delle auto storiche e d’epoca definitivamente!
    RIP!

  14. Giulio ha detto:

    Mi avete Fregato!

  15. Cazzo ha detto:

    Bellissima! Per non parlare della foto di Giuseppe Marmora, non sapevo facesse anche l’attore porno!

  16. Titanik ha detto:

    Alla Fantozzi … è una cagata pazzesca ….
    E lo è già il superbollo sulle auto di grossa cilindrata in circolazione ora.
    Quando non sanno dove attaccarsi ci spillano i denari con le quattro due sei ecc.. ruote.
    VERGOGNA

  17. Riccardo Celi ha detto:

    Marmora e Razza, eh? Avete dimenticato chi ha collaborato a questa legge, i parlamentari Franco Alborella e Antonio Cavedano… 🙂

  18. Antonio ha detto:

    Comunque l’uomo in foto è ron jeremy,attore pornografico

  19. massimo ha detto:

    speriamo che non sia vero se no un patrimonio immenso andrà fuori dall’italia che schifo io vorrei sti due imbecilli fra le mie mani e gli farei capire come si fa a campare con gli stipendi che noi comuni mortali prendiamo e non con i loro mamma mia

  20. Luca ha detto:

    Non è assolutamente possibile. Il governo stesso ha interessi a salvaguardare i capitali investiti da parte di altre figure investitricii in auto d’epoca. I capitalisti non si toccano mai. Questa è una bufala.

Lascia un commento