Bollo auto ridotto, come avere il tagliando di veicolo storico?

9 gennaio, 2019 | Luca Rossi

Carta di circolazione.

La domanda che molti si stanno facendo in questo periodo è: «Ho un’automobile utltraventennale, come faccio a ottenere lo sconto del 50%?». Cerchiamo di rispondervi con precisione in questo articolo, perché ottenere questa riduzione non è una cosa automatica.
Anzitutto ricordiamo che nella nuova manovra finanziaria, è stato previsto un taglio del 50% sulla tassa di circolazione per le macchine che sono state immatricolate da almeno vent’anni, ma come condizione c’è che devono avere un interesse storico.



Questo significa che bisognerà fare qualche pratica, e in particolare ottenere il CRS (certificato di rilevanza storica) che viene rilasciato dall’ASI (Automotoclub Storico Italiano) oppure essere iscritti a un registro di marca.
A livello tecnico, in modo molto semplice, il tutto consiste nell’applicazione di un talloncino che attesta l’interesse storico della macchina che verrà incollato sul libretto di circolazione del vostro veicolo.

Se non volete gestire direttamente la pratica potete rivolgervi a un’agenzia di pratiche automobilistiche che farà tutto, ma dovrete prepararvi a spendere una cifra che potrebbe essere di 80-100 euro. Non ci dilunghiamo ulteriormente su questo aspetto, visto che ogni agenzia applica le sue tariffe.

Andiamo al sodo. Quali documenti servono per ottenere lo sconto sul bollo di un’auto con più di vent’anni? Dovrete avere: la carta di circolazione originale, il certificato di rilevanza storica, un documento di identità, il codice fiscale.

Se decidete di fare la pratica in autonomia dovrete fare due versamenti: uno di 10,20 euro sul conto corrente 9001, e uno di 16,00 sul conto corrente 4028. Entrambi i conti sono intestati al Dipartimento dei Trasporti Terrestri.

Dopo aver pagato questi bollettini, potrete andare in un ufficio della motorizzazione civile dopo aver scaricato e compilato il modulo TT2119. Consegnando questo modulo e tutta la documentazione che abbiamo riportato sopra, potrete richiedere l’adesivo, che però non vi verrà consegnato sul posto. I tempi di attesa possono variare da provincia a provincia.


Tag:

Lascia un commento