L’incredibile viaggio della Lancia Beta a Capo Nord

25 luglio, 2016 | Redazione


La Lancia Beta oggi.

La Lancia Beta oggi.

Presentata per la prima volta al salone di Torino nel 1972, la Beta berlina è stata la nuova ammiraglia Lancia a vedere la luce, dopo l’acquisizione operata dalla Fiat nel 1969. Fin da subito, è finita sotto la lente della stampa specializzata dell’epoca (leggi la storia di questa HPE).
Nel 1972 per saggiarne le doti, nasce nella redazione di Gente Motori l’idea di testare in modo estremo il nuovo prodotto Lancia. Gianni Marin, storico direttore della rivista milanese, ha in mente di effettuare in pieno inverno un raid da Capo Spartivento (Reggio Calabria) a Capo Nord, rispettivamente il punto più meridionale e quello più settentrionale del continente europeo.
Mentre alla Lancia sono in fase di allestimento due vetture per affrontare il raid, sorge il dubbio tra i giornalisti di Gente Motori, su chi sarà il pilota e il capo spedizione di questa impresa. Per i suoi trascorsi, la scelta ricade sul giovane Amedeo di Savoia duca d’Aosta.




Il duca, oltre ad essere un grande appassionato di auto e gentleman driver, è stato protagonista e capo-spedizione nel 1970 di uno dei raid più spettacolari e leggendari di tutti i tempi: il famoso “raid dei due capi” o “raid dei tre continenti”.
Infatti era riuscito, nel giro di un mese e mezzo, a portare 3 Fiat 124 da Città del Capo a Capo Nord. Ma se il punto di arrivo, raggiunto con le 124 era d’estate (il raid infatti terminò in agosto), quello da raggiungere con le Lancia Beta, era completamente “artico”, con temperature che sfioravano i 40 gradi sottozero e nemici implacabili come il ghiaccio e la neve (situazioni affrontate anche da questi due avventurieri su Mercedes).

Le due Lancia Beta durante il raid verso Capo Nord.

Le due Lancia Beta durante il raid verso Capo Nord.

Dopo aver accettato la proposta di Gente Motori, il duca impose ai tecnici della Lancia una livrea arancione (per avere maggiore visibilità nella neve in caso di emergenza); le due auto prelevate dalla catena di montaggio per l’allestimento erano bianche.
Riverniciate di arancione, dotate di un roll-bar, di uno sbrinatore supplementare per il parabrezza, di fari antinebbia e di un faro supplementare, collocato nel paraurti posteriore, per mantenere il contatto visivo con l’altra macchina, le due Lancia Beta, scelte per affrontare questa prova, erano per il resto due auto assolutamente di serie.
L’equipaggio totale della spedizione sarà composto da sette persone: il duca d’Aosta, un altro pilota amico del duca, l’inviato e il fotografo di Gente Motori, due meccanici della Lancia e un cineoperatore della Rai di Torino, incaricato di girare per l’archivio storico Lancia.




Il retro della Lancia Beta con il tricolore.

Il retro della Lancia Beta con il tricolore.

Tutto è pronto e la partenza ufficiale è fissata per il 28 febbraio 1973 a Capo Spartivento, dove sono presenti appassionati e un notaio per certificare l’inizio dell’evento. Le due Beta procedono fin dall’inizio a tappe forzate, per di più notturne. Questa è una condizione imposta dalla casa torinese, il raid si preannuncia altamente pericoloso e impegnativo. La Lancia quindi non vuole pubblicità negativa in caso di insuccesso.
Nelle tappe italiane del raid si procede soprattutto di notte. Dopo aver attraversato velocemente Italia, Germania e Danimarca, iniziano le difficoltà della Scandinavia. Dopo la prima agognata meta del circolo polare artico, temperature sfioranti i 40 gradi sotto zero, ghiaccio e muri di neve invalicabili, le due Beta raggiungono l’isola di Capo Nord l’8 marzo 1973. Bambini festanti salutano l’equipaggio italiano e il sindaco della città più a nord d’Europa stringe la mano ad Amedeo di Savoia duca d’Aosta: l’impresa invernale di due Lancia a Nord Kapp è compiuta!

L'Auto d'epoca prima del restauro.

L’Auto d’epoca prima del restauro.

Il raid vero e proprio termina qui, nel viaggio di ritorno le due Lancia Beta omaggeranno le principali filiali Fiat-Lancia d’Europa. La tappa finale è Ginevra in occasione del 43esimo Salone internazionale dell’automobile, in cui la Lancia beta berlina sarà presentata alla stampa internazionale. Terminato il raid, uno dei due esemplari fu donato dalla Lancia al duca d’Aosta. Dopo un periodo di lungo inutilizzo, nei primi anni novanta la Beta fu regalata dal duca al mio babbo, in virtù dell’amicizia che li legava da anni.
Per decenni, abbiamo tenuto la Beta nel nostro garage, utilizzandola come ripostiglio per pezzi di ricambio, senza dare troppo peso alla sua storia, che tra l’altro non conoscevamo in modo così dettagliato. Tutto è cambiato nel novembre del 2013, dopo aver casualmente trovato un articolo, sulla rivista ufficiale Lancia del 1973, in cui si parlava del raid delle due Beta. Da lì è partito tutto; abbiamo deciso di restaurare completamente la macchina, ripristinandola in ogni suo particolare. Finalmente dopo due anni di lavoro, e uno stop lungo 30 anni, il motore è tornato a girare nuovamente. Delle due Beta del raid di Gente Motori, la nostra è l’unica sopravvissuta.

Francesco Salvi

Tag:

8 commenti

  1. ElStellino ha detto:

    Storia interessantissima, e più foto di questa Beta non ce ne sono?
    Unica precisazione, nessun punto della Calabria è il punto più meridionale d’Europa. In Italia, persino Catania (che è nel centro della Sicilia) è più meridionale della Calabria, ma mi sa che ancora più un basso è qualche isola greca, lasciando stare Cipro o addirittura le Canarie, che comunque non sono geograficamente in Europa e sono tuttavia un po’ fuori mano…
    Saluti da Tenerife!

    • Francesco Salvi ha detto:

      Ciao ElStellino. Grazie per l’interessamento. Metto qualche bella foto del raid sul post di facebook di quarta marcia riguardante la Beta.

      Francesco

  2. Enzo Bartone ha detto:

    Buongiorno. Scrive il giornalista Enzo Bartone di Cosenza( abito a Firenze) il copilota delle due Lancia Beta che ESATTAMENTE dal 29/2/73 al 4/3/73
    realizzarono il Raid CAPO SPARTIVENTO ( RC nonche’ punto estremo dell ‘Italia continentale) a CAPO NORD.
    In soli 4 gg. guidando giorno e notte si raggiunse il punto estremo d’Europa con le seguenti tappe : C.S. / Norimberga km. 2002 – Norimberga /Sundsvall (Svezia) km. 1941 – Sundsvall/ Rovaniemi ( Circolo Polare Artico ) km. 853 – Rovaniemi/
    Capo Nord Km. 753. Per un totale generale di ben 5.549 di cui con guida ininterrotta sulla neve per ben 38 ore come certifico’ il FINNMARK POSTEN, il giornale del punto estremo d’Europa.
    Dopo i festeggiamenti polari Perrotta il record conseguito ( e mai eguagliato, considerato che si viaggiava oltre che sul ghiaccio sulle strade di 43 anni fa) le due vetture furono portate a Ginevra per essere esposte al Salone dell’Automobile che si inaugurava il 14/3/73. Percorrendo quindi altri 5000 km. circa.
    Come si evince dalle foto sui lati posteriori delle due auto appaiono ben visibili i nomi Amedeo di Savoia- Enzo Bartone i quali due gia’ in soli 50 gg. nel 1970 portarono a compimento un altro l’ ormai non piu’ realizzabile RAID DEI TRE CONTINENTI definito anche RAID DEI DUE CAPI ( vedi su Google “Enzo Bartone Raid dei due Capi”) da QUATTRORUOTE ( vedi rivista Agosto e Settembre 1970). Per il Raid invernale con le due BETA vedere GENTE MOTORI di Aprile e Maggio 1973 che ci dedico’ la copertina con il titolo ” il raid dell’anno dalla Calabria a Capo Nord.
    Chi avesse curiosità di approfondire questi ed altri argomenti su altri viaggi intorno al mondo può scrivermi ” enzobartone@libero.it
    Invito Francesco Salvi a sulutarmi suo padre Giovanni.

  3. Enzo Bartone ha detto:

    Sempre Enzo Bartone per una doverosa precisazione : la partenza ufficiale del viaggio fu il 28/2/73 come certificato da un notaio ma quella effettiva invece avvenne alle ore 0,01 del 29/3 dall’Hotel Altalia di Brancaleone ( pochi km. Da Capo Sartivento) e questo er due motivi :
    – perche’ la Lancia ci impose di viaggiare di notte per ovvii motivi di opportunità ;
    – perche’ all’ Hotel Altalia rendemmo visita agli sfollati di una tremenda alluvione nella Locride portando loro un congruo contributo di danaro messo a disposizione degli alluvionati da parte di S.M. Umberto di Savoia, ultimo Re d’Italia nonché zio di Amedeo di Savoia duca d’Aosta.

  4. Enzo ha detto:

    Si sanno i nomi dei piloti e i meccanici?

    • Francesco Salvi ha detto:

      Salve Signor Enzo. Sono l’autore dell’articolo. L’equipaggio era così composto.

      Piloti: Amedeo di Savoia duca d’Aosta, leader della spedizione.
      Enzo Bartone, amico del duca e suo compagno d’avventura in altri raid.

      Personale di Gente Motori: Bruno Nestola (inviato) e Vanni Belli (fotografo).

      Personale Lancia: Rumiz e Iuliano i due meccanici. Rumiz fu presente sin dalla partenza di Capo Spartivento, mentre Iuliano si aggregò al gruppo al Brennero, portando con una Fulvia 2C celeste, le gomme chiodate che saranno montate sulle due beta nella fase “scandinava” del raid. Quindi anche la Fulvia 2C facendo da auto dell’ assistenza partecipò al raid !

      Agostino Mina invece era il cineoperatore della Rai di Torino, incaricato di documentare su pellicola il raid.

      Cordiali saluti.

      Francesco Salvi

  5. aldo ha detto:

    STUPENDO,,,,,,,SUPERLATIVO,,,,,,,,,,,,GRANDIOSO!!!!!!!!!
    Aldo

  6. Enzo Bartone ha detto:

    Ciao Francesco. Sono sempre Enzo Bartone il copilota del Raid. Come già a tua conoscenza vorrei portare a conoscenza dei lettori che sempre unitamente al Duca d’Aosta il Pincipe Amedeo di Savoia nel 1970 realizzammo il grandioso ” Raid dei Tre Continenti” partendo da Città del Capo il 24/6/70 con arrivo sempre a Capo Nord il 14/8/70 ( esattamente 47 anni fa…) ovvero in 50 gg. e dopo aver percorso a bordo di 3 Fiat 124 ben 27.681.
    Si attraversarono 18 nazioni attraverso Africa Asia Europa.
    Fu un grande successo mondiale di un raid non piu’ e mai piu’ realizzabile.
    Se volete posso fornire altri chiarimenti, riferimenti etc.
    Vedere su Internet ” Raid dei Tre Continenti” oppure Raid dei due Capi.
    Enzobartone@libero”it

Lascia un commento