Una Audi Sport Quattro da comprare in Italia

17 maggio, 2017 | Redazione

Audi Sport Quattro.

Audi Sport Quattro.

Ha segnato un’epoca, è desiderata da molti. È rarissima e costa molto. La Audi Sport Quattro è stata prodotta solo in 164 esemplari, il necessario per avere i requisiti di omologazione. C’è chi la definisce un unicorno nel panorama delle auto storiche.
Alcune di queste macchine ogni tanto appaiono sul mercato e in diverse aste. E nel corso degli anni hanno raggiunto prezzi veramente da capogiro. L’ultimo esempio è arrivato a settembre del 2016, quando un esemplare con guida a destra è stato battuto per circa mezzo milione di euro.

Adesso, c’è l’opportunità di comprarne una più a buon mercato. O almeno di poterla vedere dal vivo in Italia. Infatti, il 27 maggio a Villa Erba, RM Sothbey’s ne venderà una all’asta e si aspetta di raggiungere un prezzo compreso tra i 300.000 e i 350 mila euro.

Molto rara.

Prodotta nel dicembre del 1984 e registrata per la prima volta da Audi nel maggio dell’anno successivo, questa macchina è stata poi rispedita indietro in fabbrica per la sostituzione del blocco motore in alluminio con uno in acciaio. Questa era una modifica abbastanza diffusa perché l’alluminio è molto più fragile dell’acciaio.
Negli anni successivi, questa Audi Sport Quattro è stata conservata perfettamente, fino a quando nel 2010 è stata modificata. Con un lavoro al motore eseguito da MTM Mayer, la potenza è stata portata a 343 cavalli e 348 Nm di coppia.
Inoltre, sono stati sostituiti diversi pezzi, a partire dal parabrezza, per arrivare ad alcuni dettagli meccanici.

Il motore.

Al momento il contachilometri della macchina segna 90.500 chilometri, di cui meno di 10.000 sono stati percorsi negli ultimi 10 anni. Dal 2012 poi è stata conservata in un garage, e portata fuori solo per qualche giretto.
Prima dell’asta in riva al lago di Como, l’auto sarà sottoposta a un’ispezione completa da parte dei tecnici Audi, che faranno tutti i lavori eventualmente necessari prima della vendita a un nuovo proprietario.


Tag:

Lascia un commento